Sulla Via di Collisioni: Depeche Mode

Il primo “colpo” di Collisioni edizione 2018 sono stati proprio loro, i Depeche Mode. L’unica data italiana del prossimo tour estivo della Band di Gaham, Fletcher e Gore infatti fa tappa a Barolo, per festeggiare il decennale del festival agrirock più famoso delle Langhe (e non solo…), nell’ambito del Global Spirit Tour, che segue la pubblicazione del loro 14° lavoro discografico “Spirit”.  Vi ricordate quali sono i loro pezzi più famosi? Qui ve ne abbiamo elencati 10, nel caso voleste fare un ripasso.

  1. I JUST CAN’T GET ENOUGH. Irresistibile quanto semplice brano dance, avversato dai fan del periodo più dark dei Depeche Mode. I just can’t get enough è ancora oggi una hit contagiosa, in grado di risollevare qualsiasi party e di incendiare le grandi arene all’aperto. Un concentrato di buonumore.
  2. EVERYTHING COUNTS. Il brano, che bacchetta marketing e capitalismo,  segna la svolta dalle tastiere pop agli algidi suoni industriali, che negli anni successivi diventeranno uno dei marchi di fabbrica dei Depeche Mode.
  3. PEOPLE ARE PEOPLE. Usata recentemente per lo spot di una nota marca automobilistica, People are people parla dei pregiudizi contro le persone di un’altra razza. Una canzone che fa muovere le gambe e il cervello.
  4. SOMEBODY. Un suggestivo battito cardiaco introduce questa magnifica ballad, cantata da un Martin Gore in stato di grazia, il cui testo, malinconico e romantico, sarebbe in grado di sciogliere perfino un iceberg. Un piccolo, grande capolavoro.
  5. STRIPPED. Uno dei brani più amati dai fan dei Depeche Mode per le sue atmosfere cupe ed epiche al tempo stesso, per il suo testo onirico e per il suo messaggio anti-materialistico celato all’interno di una canzone (apparentemente) d’amore.
  6. STRANGELOVE. Gli amori non convenzionali sono una costante della produzione del trio inglese. Strangelove ne è uno degli esempi più fulgidi.
  7. PERSONAL JESUS. Violator è considerato universalmente il capolavoro dei Depeche Mode, oltre ad essere il loro album che ha venduto di più. Il primo singolo estratto è stato Personal Jesus, accusato di blasfemia, il cui testo fu ispirato dalla lettura del libro Elvis and me di Priscilla Presley.« È una canzone relativa  all’essere importante come Gesù per qualcuno.
  8. ENJOY THE SILENCE. Il secondo singolo di Violator è ancora oggi uno dei brani più amati dai fan dei Depeche Mode, grazie anche all’indimenticabile video diretto da Anton Corbijn, protagonista Dave Gahan  travestito da re e con in mano una sdraio, iconografia ispirata al Piccolo principe di Antoine De Saint-Exupery. L’idea di Corbijn era quella di mostrare un  re che possedeva tutto, ma che in realtà cercava solo un posto dove riposarsi.
  9. I FEEL YOU. Primo singolo estratto dell’album Songs of Faith and Devotion, la canzone ebbe più successo in America che in Inghilterra.
  10. PRECIOUS. Nel 2003 i Depeche Mode presero una pausa per un breve periodo a causa degli impegni solisti, ma nel 2005 l’album Touring the Angelsegnò l’ennesima resurrezione del terzetto di Basildon. Le parole della canzone, scritte da Martin Lee Gore, raccontano la difficile situazione familiare dei suoi figli e il divorzio.